mercoledì, dicembre 27, 2006

Di chi siete figli?

Ieri sera grande festa.
Ci invita Fra a casa sua, si fa qualcosa (dice lui, ma non sa nemmeno cosa ed è il padrone di casa)
Sono ormai due giorni che si mangia e ci si abbuffa, ma nonostante cio' arrivo e cerco cibo.
"Ah, ma che cazzo, ma c'hai fame, ma stai male, ma non hai mangiato sti giorni?? Noi non abbiamo fame"
Alcuni sono d'accordo, altri no. Io mi aggrego agli altri infatti, che dopo 1 ora di cazzeggio, chattate con individui dai nomi ambigui, scaricamenti di foto e di palle varie, cominciano ad avere fame.
"Prendiamo una pizza?"
Comincio ad istigare il mondo per sta pizza, a triturare i maroni per variare un po' l'atmosfera natalizia, ma senza risultato.
"Ma tu stai male, siamo tutti pieni, chi ha fame?"
Fin qui, potrei darvi ragione.
"Sei bulimico? Te non stai bene, hai il verme solitario"
Ora state esagerando.
La pizza è l'obiettivo di alcuni di noi, in 4 per la precisione, contro i 3 che vorrebbero fare.. ramadan. Ah, la gente straparla..
Con la connessione gentilmente offerta dal padrone di casa cerco una pizzeria
"Saranno aperte?" chiediamo speranzosi
I 3 caballeros sperano di NO e ce lo dicono chiaramente "Ma no, è festa, siete scemi"

Stufi e affamati, pur avendo mangiato un salamino col pane a mo' di antipasto, usciamo alla ricerca della pizzeria. Dopo 3 minuti troviamo un negozio aperto che la fa a taglio ma anche rotonda su ordinazione. Perfetto! Ne ordiniamo 6, perchè da veri idioti pensiamo di far un piccolo piacere agli altri 3 rimasti a casa, che ci sembra strano possano fare digiuno.

Ci allontaniamo di poco ed entriamo in un bar li' vicino, per un aperitivo.
Di sicuro questo posto ha visto giorni migliori. A gestirlo c'è una persona anziana con un cagnolino, Ruffio (che nome...), un piccolo yorkshire abbastanza caruccio e tranquillo. Sta sempre alla porta e sembra voler scappare e quindi noi entriamo e facciamo attenzione a non farlo scappare. O a schiacciarlo.
Il locale è capace di portarti indietro di parecchi decenni: ci sono contenitori di caramelle del 15/18, cartelloni della Coca Cola in stile liberty, mobili molto vecchi ma abbastanza curati.
Il problema è che il padrone ci controlla nemmeno fossimo 4 venuti a riscuotere il pizzo, ci tiene d'occhio nella maniera piu' indiscreta e fastidiosa e noi facciamo finta di niente. Parliamo del piu' e del meno in attesa del ritiro della pizza, e sgranocchiamo qualcosa.
Arriva una signora e il cane fa le feste. Dev'essere l'altra persona che gestisce il locale perchè entra, ci saluta e dopo 1 minuto torna da noi.
"Chi sono questi bei ragazzi?"
Vabbè, i soliti approcci per chiacchierare un po', ma noi siamo gentili ed educati e le rispondiamo con calma. Molta calma. Perchè incalza:
"Ma di dove siete?"
"Nettuno.. Tre cancelli.. Anzio.."
Ma subito dopo
"Di chi siete figli?"
Silenzio. Signora siamo a malapena di queste parti, non ci troviamo in un paese di 100 anime e magari siamo figli di gente del posto, la domanda non la fanno piu' nemmeno nei paesini di campagna.
Nel frattempo mi stringe con una mano la guancia sinistra (e mi strappa 2 peli della barba, che male!) e vedendo un nostro amico con i capelli lunghi esclama un meraviglioso "Che bello che sei.. sembri una prostituta"
Ridiamo perchè siamo stupiti dall'uscita della signora.
Dopo 1 minuto siamo gia' fuori dal locale, la scusa è che la pizza è quesi pronta.
Ci incamminiamo in due e appena arrivati al locale.. la pizza è pronta. Incredibile!

Sgommiamo per arrivare a casa e ci immaginiamo, facendo delle stentoree imitazioni, i commenti dei 3 che non hanno voglia di mangiare e che magari, vedendoci ritardare, avrebbero potuto immaginarci alla ricerca di un locale aperto.. per loro pero' ormai sprangato, visto che è Santo Stefano.


Ora, mi date del bulimico. Del malato. Che se ho fame è perchè sto male.
Ma perchè cazzo allora al nostro ritorno, con 2 pizze in piu' apposta per voi, vi troviamo intenti a cenare, CENARE, con cibo cinese ordinato li' vicino? E che tra l'altro ve l'ha portato una cinesina, il culo non l'avete mosso (o se l'avete fatto siete stati bravi a nasconderlo)
Perchè? E poi dicono che uno si incazza. Che scherzi da idioti. Magari avremmo potuto mangiare tutti insieme la stessa cosa.. o semplicemente avreste potuto risparmiare sto numero del cazzo visto che, ripeto, se vogliamo la pizza ci sentiamo dire "malati, cretini, imbecilli", pero' pensando a voi veniamo gabbati?
Me sa che i prossimi canestrelli non li faccio. Li compro made Nonna Annunziata e li spaccio per miei. Ma avverto i miei compagni di avventura.
Questa si' che è una vendetta...

8 Comments:

Anonymous Fra said...

E pensare che era il nostro decimo casaversario...ahahahahahah!

28/12/06 17:58  
Anonymous ida said...

vabbè ma tu sì permalos'!
(cit.troisi)

28/12/06 19:39  
Anonymous ida said...

vabbè ma tu sì permalos'!
(cit.troisi)

28/12/06 19:39  
Blogger francesco said...

Si, tanto.

Che cosa curiosa pero', 10 anni che bazzico quella casa. Ed è ancora in piedi.

29/12/06 12:25  
Anonymous Fra said...

Che cosa curiosa pero', 10 anni che bazzichi questa casa.

30/12/06 12:08  
Anonymous Mat said...

10 anni

30/12/06 12:09  
Blogger francesco said...

10

30/12/06 12:19  
Anonymous nadiutta said...

la domanda "di chi siete figli" mi ricorda quando una volta qui al supermercato ho incontrato due donne italiane e quando ci siamo presentate queste qui mi hanno detto il loro nome e cognome, e mi hanno chiesto anche il mio di cognome...come se fosse importante...lol
ma erano un po' anziane e probabilmente venivano da un paesino siciliano, trasferite qui dopo la guerra....forse pensano che si usi ancora presentarsi cosi :D

26/1/07 04:48  

Posta un commento

<< Home