martedì, novembre 27, 2007

Sorridi alla vita!












Sorridi alla vita.. che la vita ti sorride?
Forse sara' vero, ma prima di farlo credo di dover controllare il sorriso, figure di merda docet soprattutto. Perchè gira che ti rigira queste faccio.
Non gaffes. Non sviste. Non svarioni. No. Figure di merda.

Nel lontano 2002 andai a casa di un mio amico, mangiai li' e sua madre preparo' un risotto. Ai funghi. Vabbè, non li amo, ma li mangio se sono ben nascosti.. ma il risotto è buono. E fin qui bene.
Alla sera me ne vado, saluto tutti, e mi reco a casa tranquillo. A Termini pero', l'imprevisto. Incontro un amico che non vedevo da un po', e che fai? Discuti, chiacchieri, ridi. Sorridi. Poi se proprio hai tanta fortuna non viaggi da solo con lui, ma lui ti presenta un'amica, magari simpatica. E tu li' sorridi. Alla vita, certo. Ma ignaro della tragedia, che si compie solo arrivato a casa.
Entro, saluto mia madre, forse devo cenare, ma prima passo davanti allo specchio del bagno.
E li' hai la folgorazione, conosci la verita'.

La verita' è che ti chiedi che cazzo hai sorriso a fare alla vita. Che cazzo te ridi. Su un incisivo c'avevo un gruppo di funghi prataioli al completo, una famigliola da pineta, una trifolata completa. Ma Gesu', nessuno mi ha detto un cazzo?? Ho sorriso come un demente per ore e c'avevo un menu' di montagna completo in bocca? Anzi davanti.
Cazzo, mica faccio come la Tata che si pulisce i denti in presenza di altri bellamente e sfruttando una qualsiasi superficie riflettente! Non ci pensi. Non mi sentivo niente di strano in bocca (??), e mentre parlavo non avevo l'impressione di aver il labiale ostruito, ma cazzo la gente intorno a me?? St'amico mio? Sua madre? L'altro amico mio? La sua amica??? Cos'è, avete sogghignato beffardi di fronte alla tragedia?

E poi sabato scorso. Ho avuto una reunion con 2 carissimi colleghi, Manuel e Michele. Ciechi. O finti tonti. Perchè anche li' si è compiuta una tragedia peggiore e tutti zitti!
Dopo essere usciti satolli da un ristorante dell'eur (il cui nome ti farebbe pensare di aver mangiato a Genova o San Salvador) ci rechiamo a Testaccio. Ci rifugiamo insieme agli altri in un localino pseudo nippo-etno-lounge. Li' adocchio un tipo che mi sembrava di aver visto in Tv. Un vip. Come no. Era Pago. Che culo! In vita mia posso dire di aver conosciuto un sacco di gente vip, tra cui Pago, ma certo (e i Ricchi e Poveri, madonna che vanto dirlo in giro, ti si aprono le porte del paradiso).
Ordiniamo da bere, ma io no, all'1 di notte che mi metto a bere?? No certo, mangio.
Insieme ad Angelo e consorte chiedo i crostini alle olive nere. Loro li prendono con le olive verdi, io oso.
Mangiamo e chiacchieriamo, prendiamo per il culo gente a livelli da Bagaglino, ridiamo e sorridiamo. Ovvio, sorrisi a profusione, ignaro di nuovo (ma allora è colpa mia?)
Poi ci si accorge che è ora di andare. Torniamo alle macchine e baci e abbracci.
Finti. Perchè anche li' nessuno mi avvisa, nessuno tiene alla mia persona (è stata una serata sfigata, abbiamo pure preso una crepa al ristorante.. che avevo scelto io! Ma allora è una punizione), nessuno evita cio' che il fato vuole che si compia.
Insomma, arrivo a casa e faccio per lavarmi i denti.

Guardo bene e sembra che me ne manchi uno ma.. non è che manca. No. Al suo posto c'è un intero crostino alle olive. Nere. Quindi c'avevo sto cazzo di blackhole al posto del canino, e in un attimo ho ripensato ai miei sorrisi elargiti in giro, soprattutto alla ragazza di Angelo. Che avra' pensato malissimo, per forza. Le ho sorriso in faccia.
Cioè, ma sembravo un pirata di carnevale, quelli che si truccano di nero i denti per farli sembrare mancanti o cariati, solo che il mio trucco aveva una nuance oliva nera, e pure il sapore.

MA CAZZO DITELO! Avvertite la gente, evitateci le figure di merda! Offriteci con insistenza pagnotte alla menta, tobleroni allo xilitolo, frantumateci i coglioni con un Vivident. Vi permetto pure di sfruttare i Travelgum, sempre gomme sono e magari oltre alla nausea ci aiutano a capire.
Non lasciateci fare la figura dei coglioni, non rendeteci paranoici.

Altrimenti non mangio piu' in presenza di altri, mi porto lo spazzolino da denti e lo uso ogni 15 minuti.

E poi ti dicono "sorridi!"
Ma vaffanculo.

4 Comments:

Blogger Nadia said...

lol, ti do ragione al 100%! e' successo qualche volta anche a me, soprattutto se mangio qualcosa con il prezzemolo...qualche fogliolina resta sembra li davanti in bella presenza!
Ma la rabbia e' proprio il pensiero che gli amici ti hanno visto cosi e non ti hanno detto niente!
Ora se mi trovo con un amica e mangiamo fuori sono io a chiederglielo..."ho qualcosa sui denti?"
Fallo con tutti i tuoi amici, finche' capiranno l'antifona...e la volta che ti scorderai di chiederlo magari te lo diranno loro...

8/12/07 19:07  
Blogger Nadia said...

*sempre, non sembra

8/12/07 19:08  
Blogger Michele said...

A Zecchinè!! Io mica m'ero accorto di sta cosa, altrimenti te l'avrei detto! stavo dall'altra parte del tavolo!

9/1/08 15:22  
Blogger francesco said...

Era ironico eh! :D
Ciecati!

A prestissimo

9/1/08 15:56  

Posta un commento

<< Home